Governance responsabile

Impegnata e responsabile

Impegnata da tempo nel campo dell’investimento responsabile, Groupama AM afferma la propria convinzione che un’ emittente è tanto più performante quanto più integra le sfide ambientali, sociali e di governance (ESG) nella propria strategia di gestione.

La nostra visione responsabile della finanza si esprime anche attraverso un sistema di controllo strutturato per proteggere le operazioni e limitare l’esposizione dei clienti ai rischi. Strumenti performanti e consolidati di creazione del portafoglio permettono quindi di ottimizzare i budget di rischio.

Infine, l’impegno verso i clienti e gli azionisti si esprime anche attraverso la scelta di una governance coerente e volontaria.

Una gouvernance guidata dall'impegno assunto verso la clientela

Il fondamento della filosofia di Groupama Asset Management è proteggere gli interessi dei suoi clienti in qualsiasi momento. E’ un impegno che rientra in un approccio globale che si prefigge di garantire la massima sicurezza e serenità nella gestione degli investimenti affidati.

Un approccio basato sulla prossimità

Groupama Asset Management attribuisce grande importanza alla vicinanza nel rapporto con i propri clienti. Una vicinanza quotidiana che consente di fornire loro informazioni affidabili e reattive, veri e propri punti di riferimento assolutamente determinanti per adeguare l’offerta di servizi alle novità introdotte dai quadri normativi di Basilea III e Solvency II. Ogni cliente viene quindi regolarmente informato in merito ai mercati finanziari e all’offerta di prodotti finanziari.

Una politica ottimizzata di esecuzione degli ordini

L’esecuzione di un ordine del cliente è oggetto di elaborazioni molto rigorose all’interno di Groupama Asset Management, nell’intento di garantire il risultato migliore e più responsabile. La politica di ottimizzazione si fonda su cinque regole, che sono altrettanti impegni di Groupama AM:

  1. L’attuazione di procedure finalizzate all’ottenimento del miglior risultato possibile;
  2. La comunicazione di informazioni (azioni, capitali, performance, investimento, economia, redditività…) specifiche e utili ad ogni cliente;
  3. L’applicazione mirata della politica di esecuzione rispettando le varie categorie di clienti, di strumenti finanziari e di operazioni;
  4. La dimostrazione ai clienti che gli ordini eseguiti per loro conto sono stati gestiti in conformità con tale politica;
  5. La revisione della politica di esecuzione con frequenza regolare e in occasione di ogni mutamento significativo intervenuto sui mercati di riferimento .

Questo modo di procedere è conforme all’applicazione della Direttiva dei Mercati degli Strumenti Finanziari (Direttiva MIF), in vigore dal 1° novembre 2007.

Order execution policy

Orientato verso l'impegno degli azionisti

L’impegno degli azionisti è una leva decisiva della strategia ISR di Groupama Asset Management nell’ambito della sua visione di responsabilità fiduciaria e sociale nei confronti dei clienti. Un approccio impegnativo che fa di Groupama AM, attraverso le sue azioni e iniziative, un autentico protagonista del progresso nel campo della responsabilità aziendale.

Un approccio strutturato

L’impegno degli azionisti contempla l’insieme di posizioni, azioni o iniziative intraprese da Groupama AM per portare le imprese verso un livello maggiore di responsabilità aziendale e sollecitarle a migliorare le loro procedure ESG. Per Groupama AM, l’impegno degli azionisti  si articola in 3 direzioni fondamentali:

  1. La partecipazione ai dibattiti di mercato nei quali Groupama AM svolge un ruolo importante, sollecitando e dando vita a diverse riflessioni;
  2. La ricerca di un dialogo costante con le imprese nelle quali sono investiti i suoi portafogli, perché il dialogo rappresenta lo strumento migliore per promuovere l’evoluzione delle procedure delle società. Ogni incontro rappresenta un momento privilegiato per interrogare i rappresentanti dell’impresa in merito alle principali sfide ESG e capire in che modo si decide di rispondere;
  3. La realizzazione di studi e analisi ad hoc

UNA POLITICA DI VOTO DINAMICA 

Per Groupama AM, il voto nel corso delle assemblee generali degli azionisti rappresenta il primo passo verso una gestione attivamente responsabile e costituisce parte integrante del processo di gestione. Attraverso la politica di voto, Groupama AM incoraggia le imprese a superare i vincoli normativi allo scopo di promuovere la valorizzazione a lungo termine degli investimenti.

Inoltre promuove la diffusione delle prassi migliori in termini di governance e di deontologia professionale, lo sviluppo economico, la coesione sociale e la salvaguardia dell’ambiente.

Le linee guida di voto vengono riviste ogni anno, perché è importante tenere conto di tutti gli sviluppi che possono intervenire in un’impresa o in un settore di attività: evoluzione delle leggi e della normativa finanziaria, evoluzione dei codici di governance, integrazione delle pratiche di mercato e delle raccomandazioni emerse dalle analisi interne.

Voting Policy

Shareholder Commitment 2016

Esclusione sistematica delle armi controverse

L’impegno di Groupama Asset Management va ben oltre le esclusioni decise in seguito all’applicazione della metodologia di selezione degli emittenti. Dal 1o maggio 2009, il gruppo ha infatti messo in atto una politica rigorosa di esclusione relativa all’investimento nelle imprese riconosciute coinvolte in attività legate alle bombe a grappolo e/o alle mine antiuomo che si applica alla totalità dei portafogli in gestione e che riguarda le attività di produzione, stoccaggio, distribuzione e commercializzazione.

Controllo dei rischi

La protezione delle operazioni finanziarie è una delle questioni che maggiormente interessa Groupama Asset Management. Il gruppo ha quindi fatto la scelta di un’organizzazione specifica del dispositivo di controllo interno attraverso team specializzati. Questi team dedicati hanno il compito di limitare i rischi e di monitorare le varie fasi del processo in modo da garantire ad ogni cliente la totale sicurezza dei suoi investimenti.

La Direzione di controllo dei rischi, che ha la responsabilità del controllo di secondo livello dei rischi d’investimento (gestione finanziaria dei portafogli fondi e mandati), è organizzata sulla base di due funzioni complementari: il controllo del contesto di gestione (che verifica il rispetto dei limiti di investimento normativi) e il risk management o (gestione del rischio che monitora i rischi di gestione finanziaria).

La divisione Compliance assicura la gestione dei rischi normativi, legali e di reputazione. Il controllo interno valuta e contestualizza il rischio operativo. Infine il responsabile della sicurezza dei sistemi informatici (RSSI) è incaricato del controllo dei rischi legati alla sicurezza dei sistemi informatici.

Al fine di monitorare la corretta applicazione delle procedure interne ed evitare i vari tipi di rischi, sono stati istituiti tre comitati:

Il comitato mensile dei rischi: si occupa dei rischi legati alla gestione finanziaria dei portafogli. Ogni trimestre, il comitato assume inoltre una valenza molto strategica con la partecipazione del Direttore generale, dei responsabili delle tre direzioni operative di Groupama Asset Management (sviluppo, gestioni, attività di supporto) e quella del Direttore Audit, Controlli e Giuridico;

Il comitato di controllo interno: assicura la coerenza e l’efficacia complessiva del dispositivo di controllo interno;

Il comitato di audit: prende atto ed esamina il bilancio annuale, la relazione sulla valutazione del dispositivo di controllo interno, le attività dell’audit interno, del controllo interno, della compliance e del RSSI.